Fisioterapia – Riabilitazione Gomito a Roma

Fisioterapia, Riabilitazione, Roma, ernia del disco, dolore, spalla, ginocchio, caviglia, cervicalgia, lombalgia


Il gomito è un’articolazione complessa che collega i segmenti braccio ed avambraccio. E’ definita complessa in quanto è l’unione di tre articolazioni tra tre ossa (omero, radio ed ulna) che concorrono a garantire i movimenti flesso-estensori: articolazione omero-radiale, articolazione omero ulare, articolazione radio-ulnare prossimale.

Le superfici articolari dell’omero sono il condilo laterale, che andrà ad articolarsi con la cavità glenoide presente sulla testa del radio, e la troclea che articolerà con l’ulna. Per quanto riguarda l’articolazione tra radio ed ulna, quest’ultima ha un’incisura detta radiale che andrà ad articolarsi con il margine interno della testa del radio.

Osservando la superficie omerale dell’articolazione del gomito, notiamo posteriormente una depressione. Essa è definita fossa olecranica, che accoglierà un grande processo osseo dell’ulna, l’olecrano, garantendo un blocco dell’articolazione a 180° (braccio disteso).

La stabilità è garantita dalla capsula articolare che ricopre l’articolazione e dal comparto legamentoso.

Riconosciamo i seguenti legamenti: leg. anulare, leg. Quadrato, leg. collaterale mediale, leg. collaterale laterale.

PATOLOGIE PIU’ FREQUENTI

Epicondilite ed Epitrocleite

L’epicondilite, anche detta “gomito del tennista”,  è una patologia a carattere infiammatorio che colpisce i tendini che si inseriscono a livello dell’epicondilo omerale, la parte esterna del gomito. La dottrina classifica le epicondiliti sotto la categoria delle tendinopatie inserzionali, caratterizzate da lesioni più o meno vaste a livello osteo-tendineo. La sintomatologia è caratterizzata sostanzialmente dal dolore che nei casi meno gravi si manifesta soltanto durante l’attività fisica, con intensità variabile, mentre nei casi più gravi il dolore al gomito può essere continuo. L’epitrocleite è del tutto simile all’epicondilite, ma ha un insorgenza ben più rara. L’epitrocleite colpisce il settore mediale del gomito, interessando le inserzioni tendinee di alcuni muscoli dell’avambraccio. Un sinonimo è utilizzato anche per questa patologia, denominata “gomito del golfista”. I sintomi sono sostanzialmente gli stessi dell’epicondilite, con localizzazione però in sede mediale.

Fratture

In relazione a determinati incidenti si può incorrere in fratture dei segmenti ossei che formano l’articolazione del gomito. Data la complessità dell’articolazione, queste fratture possono creare delle gravi limitazioni funzionali alla normale mobilità dell’arto. Le fratture possono quindi interessare l’estremità distale dell’omero, o le prossimali di radio e ulna. Qualora frammenti ossei si interpongano tra i segmenti articolari possono creare dei veri e propri blocchi articolari. La sintomatologia è rappresentata dal dolore e dall’impotenza funzionale dell’arto. Può esserci frattura derivata da lussazione del gomito, nei casi di instabilità cronica o acuta per i soggetti a rischio. La radiografia permette di verificare lo status dei capi ossei e l’eventuale presenza di frammenti ostacolanti l’articolazione.

Il trattamento delle fratture prevede il ristabilimento dei corretti rapporti tra capi articolari, e l’immobilizzazione dell’arto attraverso gesso o tutori rigidi. In caso di frammentazione ossea può essere necessario un intervento chirurgico al fine di rimuovere i detriti ossei.

Fisioterapia Gomito

In ogni caso è comunque necessario fare una appropriata fisioterapia al gomito in un centro come Fisio Point che offra tutte le terapie strumentali di ultima generazione, l’idrokinesiterapia e che abbia fisioterapisti preparati e aggiornati sulle ultime tecniche riabilitative.

Il primo obiettivo è quello di eliminare rapidamente il dolore e l’infiammazione al gomito, non più con le inutili sedute di tens, infrarossi e ionoforesi o peggio ancora con radar e marconi, ma con terapie strumentali di ultima generazione come la Tecarterapia, che aumenta il flusso sanguigno facendo un ricambio cellulare e scaldando in profondità i tessuti; come il Laser yag ad alta potenza, che riesce a penetrare in profondità riducendo l’infiammazione e il dolore; o come la SIT therapy che superando le protezioni dei nostri tessuti veicola farmaci o fitocomposti naturali con azione antinfiammatoria e antidolorifica.

Queste, e ad altre terapie d’eccellenza come lo Scenar o l’Ipertermia, togliendo il dolore e l’infiammazione, consentono ai nostri Fisioterapisti esperti di recuperare gradualmente e in modo corretto la completa mobilità del gomito, togliendo i compensi e potenziando attivamente i muscoli che stabilizzano l’articolazione.

Per avere risultati più rapidamente e in maniera ottimale associamo, sempre nella stessa seduta, l’Idrokinesiterapia. La riabilitazione in acqua infatti, ci consente di muovere più facilmente e in totale sicurezza sia il gomito che tutto il braccio, spesso coinvolto nelle problematiche come epicondilite o frattura di gomito. Viene effettuata in un’apposita piscina con acqua calda, attrezzature specifiche, idromassaggi e cascate per la cervicale.

Non trattare subito e bene anche una banale epicondilite può innescare dei compensi che modificano la corretta esecuzione dei movimenti, nonché dei processi degenerativi importanti che possono portare forti infiammazioni e aumento notevole del dolore al gomito.


Prenota la tua visita gratuita
  • Prenota la tua visita Gratuita


    Cognome – Nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Il tuo Cellulare (richiesto)