Testo di Rosita Laterza

L’edema è un accumulo di liquido nei tessuti, di origine venosa e/o linfatica, visibile sottoforma di gonfiore.

L’edema è un sintomo che traduce la difficoltà momentanea o permanente del sistema linfatico e/o venoso di smaltire l’eccesso di liquidi e macromolecole. Il ristagno di questi liquidi e proteine, sono responsabili di processi infiammatori.

Le cause dell'edema

Le cause possono essere legate a fattori esterni o interni alla circolazione linfo-venosa:

  • Fattori esterni come: cicatrici, asportazioni linfonodali o venose, traumi, infezioni
  • Fattori interni come: malattie auto-immuni, displasie o aplasie, o più semplicemente l’invecchiamento

I sintomi dell'edema

Durante l’esame obiettivo possono essere riscontrati una serie di segni clinici che indicano una maggiore o minore componente linfatica o venosa:

  • Segno della fovea: quando, in seguito a una pressione esercitata con il pollice sull’edema, resta una depressione sulla cute, si tratta di una disfunzione prevalentemente venosa, altrimenti la sua assenza indica un edema linfatico.
  • Edema del dorso del piede: linfatico, uniforme su tutto il dorso; venoso, segno della compressione del calzino o della scarpa.
  • Fenomeni di micosi o ipercheratosi
  • Alterazioni ghiandole sudoripare (pelle lucida)
  • Pelle fredda (linfedema)
  • Nessuna alterazione della temperatura (edema venoso)

Come curare l'edema

La visita linfologica (fisiatra, angiologo) permette di identificare il tipo di edema e il successivo trattamento specializzato. Il medico effettuerà una valutazione clinica e, se necessario, si avvarrà di esami strumentali come l’eco-doppler o la linfoscintigrafia.

Il trattamento fisioterapico consiste nel linfodrenaggio manuale, una tecnica specifica di massaggio decongestionante utile a ridurre il gonfiore.

L’eventuale integrazione con altre tecniche fisioterapiche, come il bendaggio compressivo, e l’ausilio di una contenzione elastica, verranno valutate dal fisioterapista.

Prevenzione dell'edema

I pazienti affetti da linfedema o a rischio, devono rispettare alcune regole di igiene di vita al fine di non aggravare o favorire l’insorgenza di un edema:

  • Proteggersi da fonti di calore
  • Proteggersi dai rischi di ferite (bricolage, manicure)
  • Evitare indumenti troppo stretti
  • Non applicare calore (Fanghi)
  • Praticare regolarmente attività fisica per favorire il ritorno venoso, e migliorare la sintomatologia legata all’insufficienza linfo-venosa
  • Seguire un adeguato regime alimentare per mantenere un peso corretto è molto importante per gestire l’edema.

Per saperne di più guarda i video sul nostro canale YouTube


Prenota la tua Visita Gratuita

Vuoi capire l’origine del tuo problema e scoprire quale è l’esame diagnostico più adatto a risolvere la tua problematica?

I nostri i pazienti hanno un canale privilegiato nelle migliori strutture sanitarie di Roma












    Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy ai sensi dell’ Art. 13 Regolamento UE 2016/679 per la protezione dei dati personali e do il mio consenso al trattamento dei miei dati per l'utilizzo attinente alle attività da me richieste e l'invio di informative ad esse relative.

    Leave a reply