Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Fisioterapia a domicilio: quando è meglio farla a casa

Fisioterapia

Esistono diversi motivi che possono rendere impossibile praticare la fisioterapia presso un centro specializzato: se ci si è operati da poco, o si soffre di alcune malattie croniche, oppure si ha più in generale difficoltà a muoversi. In tutti questi casi, però, non bisogna rinunciare completamente ad un trattamento fisioterapico di qualità. Al contrario, oggi esiste una vasta gamma di terapie che possono essere praticate a casa, anche terapie strumentali molto avanzate. È una soluzione che può essere scelta anche per semplici motivi di comodità.
La fisioterapia a domicilio offre molte possibilità. A casa possono essere praticate la kinesiterapia, la massoterapia, il rinforzo muscolare, la rieducazione alla deambulazione, la ginnastica posturale, la riabilitazione post-operatoria, il recupero della propriocezione e dell’equilibrio. Ma oltre a queste terapie per così dire “low tech” (che non richiedono cioè strumentazione avanzata), ci sono anche molte terapie strumentali che possono essere fatte a domicilio. L’evoluzione della strumentazione, sempre più sofisticata ed agile da trasportare, consente di praticare in casa anche tens, elettrostimolazione, magnetoterapia, ultrasuoni, laser, tecarterapia. Inoltre alcune strumentazioni possono essere acquistate o noleggiate, in modo da avere la massima indipendenza nell’utilizzo.
Fisio Point offre servizi di fisioterapia a domicilio nell’area di Roma. Per avere una prima indicazione di quali terapie intraprendere, è sufficiente chiedere una prima visita gratuita dal sito di Fisio Point o chiamando lo 06 58233547.


Ho mal di schiena, mi servirà la fisioterapia?

Fisioterapia, Fisioterapia

Se non lo avete avuto, conoscete qualcuno che ce l’ha. Parliamo del mal di schiena, un disturbo che colpisce milioni di persone in modo più o meno grave, più o meno invalidante. In un certo senso, ce la siamo cercata: nel momento in cui siamo scesi dagli alberi e ci siamo messi in testa di camminare eretti, abbiamo sottoposto la nostra colonna a uno sforzo imprevisto, che ancora oggi si fa sentire con dolori e dolorini.

Le cause del mal di schiena possono essere varie, e serve una diagnosi accurata per individuare la fonte del problema. Può trattarsi di cause ossee come l’artrosi o l’ernia del disco, ma più spesso si tratta di problemi muscolari. In questo caso il mal di schiena può essere la conseguenza di posture sbagliate, magari protratte nel tempo (chi di voi lavora per lunghe ore al computer ne sa qualcosa). Anche condizioni come la scoliosi possono tradursi in un mal di schiena più o meno forte. In ogni caso, bisogna tenere presente che la schiena è un sistema complesso e che le sue componenti (ossea e muscolare) sono interdipendenti.

La fisioterapia offre molte soluzioni per il mal di schiena, a seconda della causa scatenante. In generale, l’ideale è un mix di terapie che approcci il problema globalmente. Per questo si possono affiancare terapie strumentali come la tecarterapia, il laser o l’ipertermia, a terapie manuali come i massaggi, fino alla ginnastica posturale e all’idrokinesiterapia.

In ogni caso è importante una diagnosi accurata, per cui alla terapia è necessario anteporre la consultazione di uno specialista.