Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Stufi della sedentarietà dell’ufficio? Fatevi due passi a lavoro!

News
Treadmill Desk - la scrivania tapis roulant

Treadmill Desk, la nuova scrivania nata per prevenire e ridurre i casi di obesità legati alla sedentarietà lavorativa.

Nell’era del Wellness si è alla costante ricerca dell’integrazione di attività motoria nei più vasti contesti, tra cui quello lavorativo. Negli USA la novità del momento è la cosiddetta “Treadmill Desk”, o in gergo nostrano la scrivania-tapis roulant. Questo macchinario, nato dall’idea di Nathan Edelson1 (brevettato nel 1993), nasce con lo scopo di prevenire e ridurre i casi di obesità legati alla sedentarietà lavorativa, prevenendo inoltre tutte le complicanze derivanti dalla stessa (diabete, ipertensione, cardiopatie, etc.).Nello specifico l’apparecchio è composto da un nastro trasportatore corredato di apposita scrivania sovrastante, che permette di ridurre le ore trascorse seduti e quindi i livelli di sedentarietà legati al lavoro.
Le ricerche effettuate in merito, ivi comprese quelle reciprocamente contrastanti, danno un esito comune: i livelli di fitness dei soggetti sottoposti ai test di utilizzo del macchinario sono aumentati, quelli di sedentarietà diminuiti e gli stessi soggetti sono diventati più propensi allo svolgimento di attività motoria.

E per quanto riguarda la sicurezza?
Ci sono ovviamente delle linee guida legate all’utilizzo della scrivania-tapis roulant. Sarebbe assurdo pensare, per esempio, che una persona possa passare tutte le ore del proprio turno di lavoro camminando.
Nello specifico le linee guida raccomandano di mantenere una velocità inferiore alle 2 miglia orarie (3.2 Km/h). Per quanto riguarda l’ergonomia, essa è studiata nel dettaglio dalle case produttrici con lo scopo di ridurre al minimo il rischio di infortuni e sono ovviamente presenti dispositivi di sicurezza come la clip “safety stop” da agganciare ai vestiti dell’impiegato.

Pro e Contro
Vi sono studi contrastanti riguardanti l’utilizzo dell’apparecchio. Fermo restando che i risultati sulla fitness globale sono soddisfacenti è ovvio che per alcuni soggetti l’utilizzo del macchinario può risultare complicato. Non tutti sono effettivamente in grado di camminare e leggere/lavorare contemporaneamente, specialmente chi non ha mai utilizzato un treadmill nemmeno in palestra. Peraltro l’utilizzo è sconsigliabile a chiunque abbia importanti problemi posturali, patologie periferiche (ad esempio il “piede diabetico”) e problemi cognitivi (giramenti di testa, vertigini).
In un recentissimo studio2 della Brigham Young University (Provo, Utah – Stati Uniti) è stato studiato l’effetto sulla produttività del lavoratore. In questa ricerca 69 lavoratori son stati divisi, 35 seduti e 34 utilizzando la scrivania-tapis roulant, e sottoposti a vari test cognitivi. Il sorprendente risultato è stato che non vi sono state significative differenze di efficienza tra i lavoratori seduti e quelli in movimento.
Un’ultima (non per importanza) variabile da considerare è il costo: queste apparecchiature non son proprio economiche. Una singola scrivania può costare dai 750$ ai 1500$, spesa sicuramente rilevante soprattutto per le piccole aziende.

Concludendo
È ancora troppo presto per dire che questa innovazione sia o meno la svolta nel prevenire la sedentarietà sul posto di lavoro, ma sicuramente la scienza si sta impegnando per focalizzare l’attenzione su quella che è ormai considerata la malattia del ventunesimo secolo.

Dott. Marco Macrì

Fonti
1 Edelson, Nathan (31 August 1987). “Hazards of Sitting Down on the Job”. The Wall Street Journal. https://en.wikipedia.org/wiki/Treadmill_desk

2 Slow walking on a treadmill desk does not negatively affect executive abilities: an examination of cognitive control, conflict adaptation, response inhibition, and post-error slowing. Larson MJ1, LeCheminant JD2, Carbine K1, Hill KR1, Christenson E2, Masterson T2, LeCheminant R2.
Immagine: http://goo.gl/qRpJVp

Aggiungi un commento