Testo di Sara Patarchi

Che cos'è la schiena?

La schiena o dorso è quella parte del corpo che inizia alla base del collo e arriva fino ai glutei. Al centro della schiena, sotto almeno tre strati muscolari (superficiale, medio e profondo), troviamo la colonna vertebrale, che ha funzioni di sostegno e di protezione. Al suo interno si trova il midollo spinale che, insieme all’encefalo, costituisce il sistema nervoso centrale. Inoltre, nel suo decorrere verso il basso, lateralmente vi è l’uscita dei nervi spinali, che permettono l’arrivo delle informazioni al cervello dal resto del corpo o dall’esterno o, viceversa, il ritorno di risposte motorie e informazioni dal cervello al resto del corpo.

La colonna vertebrale è formata da 32/33 segmenti ossei, chiamati vertebre, che si dividono in diversi tratti: tratto cervicale con 7 vertebre; tratto dorsale con 12 vertebre; tratto lombare con 5 vertebre, tratto sacrale con 5 vertebre fuse insieme e tratto coccigeo con 3/4 vertebre.

Tra le vertebre sono interposti dei dischi fibrocartilaginei che contengono un nucleo polposo. Essi hanno la funzione di ammortizzare e dissipare le forze agenti sulla colonna durante i movimenti dell’uomo. Inoltre, tutta la struttura è tenuta assieme da resistenti legamenti e forti tendini dei muscoli, che formano l’impalcatura del dorso.

Nel corso dell’evoluzione, cioè quando l’uomo è passato dalla quadrupedia alla stazione eretta, per cercare di ammortizzare meglio il peso dell’intero organismo, a livello della colonna vertebrale si sono sviluppate una serie di curve alternate che seguono la divisione vista sopra:

  • cervicale – lordosi
  • dorsale – cifosi
  • lombare – lordosi
  • sacrale – cifosi
  • coccigeo – piccola lordosi
Fisioterapia a Roma, Centro Specializzato in Ginnastica Posturale a Roma Monteverde. Con una visita Gratuita valutiamo i problemi di postura e impostiamo il percorso correttivo più adatto, scoliosi, cervicalgia, lombalgia, mal di schiena, fisiatra, infiltrazioni acido ialuronico, mesoterapia, cortcosteroidi, gonartrosi coxartrosi rizartrosi artrosi di spalla artrosi di caviglia

Fattori che possono far insorgere il dolore alla schiena: Lombalgia

Diversi sono i fattori che possono provocare un dolore alla schiena. La parte più colpita è sicuramente la parte bassa della schiena, vale a dire la parte lombare.

A oggi, la lombalgia è considerata al primo posto tra i motivi di infortunio, causando un alto numero di assenze da lavoro. È un dolore invalidante e può trasformare la vita di chi ne soffre in un vero incubo. Un altro tratto spesso dolorante è la zona cervicale.

Queste due aree sono caratterizzate da un’accentuata mobilità, mentre il tratto dorsale e sacrale sono più rigidi perché sottoposti e legati ad altre articolazioni (costole e ossa iliache). Ma torniamo ai motivi che possono produrre il mal di schiena, questi posso andare dai problemi più seri come:

  • la stenosi, ossia il restringimento del canale midollare
  • l’ernia del disco, ossia la fuoriuscita di parte del disco intervertebrale con conseguente pressione sul nervo
  • la scoliosi, ovverosia la deformazione della colonna con conseguente rotazione delle vertebre
  • la spondilolistesi, ossia un progressivo spostamento della vertebra
  • il tumore vertebrale, a carico delle strutture ossee

In altri casi, il dolore alla schiena può essere dovuto a problematiche meno serie, ma non meno dolorose come:

  • l’atteggiamento posturale. La maggior parte delle persone che soffre di mal di schiena ha una vita sedentaria e passa la maggior parte della giornata in posizione seduta
  • una contrattura, ossia i muscoli del dorso – soprattutto della parte bassa – sono sottoposti a eccessiva tensione
  • un trauma. Spesso un movimento brusco o il sollevamento di un peso eccessivo può provocare uno strappo a carico della muscolatura della schiena, impreparata all’azione
  • poca tensione muscolare, dovuta a una forza fisica insufficiente in quel distretto

Inoltre, esistono problematiche di altro genere che potremmo definire “a distanza”, perché provocano dolore a livello lombare malgrado la causa di ciò si trovi in un differente distretto dell’organismo.

Per i motivi più gravi è necessario rivolgersi a uno specialista, un medico, che provvederà ad analizzare la situazione e prescrivere una serie di indagini specifiche, che possono condurre in alcuni casi all’intervento chirurgico. Successivamente, è possibile iniziare un percorso fisioterapico che porterà alla totale remissione del dolore.

Esercizi per il mal di schiena: Ginnastica Posturale

Come prima cosa, appena si è superata la fase acuta di dolore e dopo aver escluso che si tratti di un motivo serio, come quelli elencati nel primo gruppo, sarebbe opportuno modificare lo stile di vita e cercare di attivarsi il più possibile. Il principale motivo di dolore lombare è infatti l’inattività. È sempre consigliabile rivolgersi a un centro specializzato, con personale qualificato, che tratti la problematica con cautela, non affidandosi a palestre al cui interno si svolgono solo corsi di fitness. Per quanto riguarda la fase subacuta, è fondamentale imparare a svolgere esercizi di allungamento e di mobilità della zona interessata. A questo proposito, diventa spesso necessario partecipare a corsi di ginnastica posturale.

Gli esercizi possono essere svolti sia a corpo libero sia con l’aiuto di piccoli attrezzi come elastici o palle per il pilates, le cosiddette fitball. Gli esercizi per il dolore alla schiena possono essere svolti in diverse posizioni: sdraiati a terra, seduti sulla palla o in piedi. Da qualunque posizione si decida di partire, diventa fondamentale la respirazione: spesso problematiche lombari possono essere dovute a un diaframma bloccato. Il consiglio è quello di dare spazio a esercizi di respirazione toracica e soprattutto diaframmatica.

Per almeno 15 minuti

  • eseguire delle inspirazioni e delle espirazioni passive prolungate e profonde, mantenendo le mani prima a livello del torace, poi a livello dell’addome. Di seguito, bisogna arrivare con delle inspirazioni profonde ad attivare muscoli intercostali e diaframma, mantenendo una mano sul torace e l’altra sull’addome

Esercizi sdraiati a terra

Volendo svolgere l’attività sdraiati a terra:

  • si possono portare alternativamente le gambe al petto mantenendo la posizione per qualche secondo e in accordo con la respirazione. Lo stesso si può poi fare con le due gambe simultaneamente
  • mantenendo le gambe al petto, si possono aprire le braccia in fuori e poi portare le gambe verso destra e verso sinistra, prendendo aria nel passaggio da una parte all’altra
  • si possono portare le piante dei piedi in contatto tra loro e assumere una posizione di gambe a farfalla
  • volendo usare gli elastici, si può lavorare sull’estensione posteriore della gamba, portandola progressivamente verso l’alto
  • in quadrupedia, si possono portare i glutei in appoggio ai talloni e distendere le braccia in avanti
  • dalla posizione di quadrupedia, si può guardare l’ombelico, spingere con le braccia a terra, far uscire una gobba dorsale e andare in retroversione del bacino per poi indirizzare lo sguardo in avanti, schiacciare la gobba e portare il bacino in antiversione (gatto-cammello/mucca)
  • per rilassare la schiena, si può lavorare mantenendo le gambe sulla palla e svolgere tutti gli esercizi di respirazione; oppure, seduti sulla palla, si può far basculare il bacino a destra e sinistra e fare circonduzioni intere di tutto il bacino.

Gli esercizi da svolgere sono innumerevoli e con numerose variabili; tutto dipende dalla fase di infiammazione che ci si trova a vivere. Da non dimenticare è poi il lavoro di rinforzo, non appena passato il dolore. Inoltre, per avere effetti duraturi, bisogna tenere a mente che il lavoro in palestra deve essere svolto per tutta la vita e non solo confinato al momento in cui se ne sente un vero bisogno.

Leave a reply